Fri. Jul 19th, 2024

Il plov, un miscuglio di riso, verdure, carne e spezie, è popolare in tutti i paesi della Via della Seta, ma è strettamente associato all’Uzbekistan. Ampiamente consumato almeno una volta alla settimana, è il piatto nazionale del paese ed è considerato una parte indispensabile delle celebrazioni familiari, servito in occasione di nascite, matrimoni e funerali e per onorare i musulmani di ritorno dall’Hajj.

Secondo la leggenda, il plov fu inventato per la prima volta da Alessandro Magno, che ordinò la preparazione di un pasto soddisfacente per sostenere il suo esercito durante le campagne in Asia centrale. “Non abbiamo documenti storici che lo dimostrino, ma quello che sappiamo è che nel IX e X secolo il plov era diventato molto popolare qui”, ha detto Nilufar Nuriddinova, una guida turistica uzbeka appassionata di storia del cibo. “Il riso è stato un raccolto di base in questa regione per più di 1.000 anni. Richiede un duro lavoro fisico per coltivarlo, così come la raccolta dei raccolti e l’allevamento del bestiame. Quindi, il plov sarebbe stato un piatto ideale ad alto contenuto calorico e ricco di sostanze nutritive per la società in gran parte agricola.”

Il Plov è ora considerato una parte così vitale delle tradizioni culinarie del paese che è stato recentemente iscritto nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’UNESCO. “È più di un semplice pasto”, ha spiegato Nuriddinova. “Crea legami sociali e incoraggia l’amicizia; unisce la nostra nazione”.

Mi ha detto che anche la parola è una parte importante della lingua uzbeka. “Appare in molte espressioni quotidiane come: ‘Se sai che ti resta solo un giorno sulla Terra, trascorrilo mangiando plov'”, ha detto. “Significa che dopo si può morire felici. In Uzbekistan la vita senza plov è impensabile.”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *